martedì 5 agosto 2014

L'Uomo Lunare e il Divino Maschile

"L'uomo Lunare è un uomo del Presente, sensibile, che offre forza e protezione per Creare la vita.
Esplora la sua anima ed è capace di purificarsi energeticamente dai programmi culturali che lo alienano.
L'uomo Lunare sta nascendo nel cuore e nel corpo di molti uomini, egli nasce in silenzio.
E' un iniziatore, e come gli antichi capi tribù accompagna i suoi fratelli, fianco a fianco, per riconquistare la vera essenza del maschile.
L'uomo di questo tempo osserva dentro di sé il desiderio di riconquistare l'orgoglio di Amante e Padre, protettore della Natura.
La Donna di Luce guarisce e dona l'iniziazione all'uomo Lunare.
Può fare questo perchè sente lo spirito del suo corpo vibrare, nutre la sua anima e ha superato il desiderio di possedere e controllare.
Il femminile diviene quindi un terreno areato dove il seme maschile non affoga ma guarisce, si annida e cresce.
Lei gli offre l'appoggio per recuperare la sua forza di autorigenerarsi.
Lei ha costruito, o sta costruendo, la sua indipendenza, ma il desiderio di unirsi in modo autentico e profondo con qualcuno è sempre presente dentro di lei.
La guerra dei sessi sta finendo.
Il Paradiso sulla Terra è costruito da coppie in equilibrio e in questo momento si stanno verificando incontri, questi incontri fanno parte delle prossime fasi di risveglio.
L'uomo Lunare è l'Amante e Compagno della donna Solare o Radiante.
Insieme costruiscono il Paradiso della Nuova Terra un Eden che fiorisce e non conosce esilio."

- Alana Messineo -

Questo brano esprime bene ciò che molte di noi stanno vedendo accadere negli ultimi tempi, è importante però spiegare meglio cosa intende Alana in alcuni punti per evitare fraintendimenti che potrebbero irritare la suscettibilità di alcuni uomini che ancora temono, o poco comprendono, la parte divina che vive dentro di loro. Partiamo dal presupposto che dentro ognuno di noi, indipendentemente dal genere sessuale, sono presenti entrambe le polarità attiva e ricettiva (che simbolicamente vengono rappresentate dal Sole e dalla Luna) e che per vivere in equilibrio dobbiamo imparare a riconoscerle, accettarle e nutrirle entrambe, seppur una delle due può predominare in una certa misura sull'altra. Non parliamo di maschile e femminile, perché non si tratta di questo, le donne sono femminili e gli uomini maschili, il credere che dentro di noi ci sia un lato maschile e uno femminile e fuorviante e limita tantissimo l'espressione completa dei due principi nella loro complessità. Semplicemente entrambi possono manifestare una natura ricettiva o attiva, in varia misura. Un uomo molto sensibile è un uomo che manifesta la sua parte ricettiva, mentre una donna forte e determinata manifesta la sua parte attiva. Detto questo, per Uomo Lunare si intende un Sole che riconosce la funzione della Luna e l'accoglie, le dona la propria luce, affinché possa brillare nel cielo notturno, è il completamento del Maschile Divino che riconosce in sé il Divino Femminile e lo onora diventandone il Campione, il Protettore, il Compagno, il Fratello, il Padre e l'Amante, non più in guerra, non più in competizione, non più in posizione di prevaricazione, dominio e potere, ma in un rapporto sinergico di stima e collaborazione. La Donna Solare invece è intesa come colei che accoglie la luce del Sole e la riflette nel mondo, irradiandola in modo più dolce e tenue, riconosce quindi la funzione del Divino Maschile dentro di sé integrandola. Entrambi quindi, fedeli alla propria natura di genere, si compenetrano e si completano.
L'Uomo e la Donna Divini sono dei Creatori di realtà, insieme esprimono l'Alchimia trasformativa dell'Amore. L'uomo dona con coraggio vita ed energia, la donna con dolcezza accoglie, nutre e porta a manifestazione, la donna guida e guarisce, l'uomo sostiene e protegge. Si potrebbe quasi dire che la donna è la porta e l'uomo la chiave, entrambi sono indispensabili per attraversare la soglia e giungere al cuore dell'universo.


Nessun commento:

Posta un commento